Al MIC di Milano il Festival internazionale del cinema brasiliano

La più importante rassegna cinematografica sul Brasile convalida la forza creativa del paese sudamericano e porta al grande schermo diversi aspetti della sua complessa realtà sociale.

Le recenti vittorie a Cannes del realismo magico in stile western di “Bacurau” (premio della giuria) e del toccante racconto al femminile “A Vida Invisível de Eurídice Gusmão” (vincitore alla sezione competitiva “Un certain regard”) confermano la vitalità del cinema brasiliano contemporaneo. E la potente programmazione dell’ottava edizione del festival Agenda Brasil, dall’8 al 14 luglio, a Milano presso il MIC-Museo Interattivo del Cinema, avvalora questo scenario immergendosi in una varietà di intense narrative che raccontano un paese talmente affascinante quanto pieno di ferite del passato e del presente.

Organizzato dall'Associazione Vagaluna e prodotto da Christoffel Promozioni e Produzioni, in collaborazione con la Fondazione Cineteca Italiana, il festival più importante sul Brasile in Italia è realizzato con i contributi del Fondo per il Settore Audiovisivo (FSA) – Ancine e del Consolato-Generale del Brasile a Milano e gode del patrocinio dell’ Ambasciata del Brasile a Roma. La programmazione di quest’anno occuperà la sala e la terrazza della ex Manifatture Tabacchi, sede di proiezioni, incontri, dibattiti e momenti musicali. L'odierna e complessa situazione politica ed economica brasiliana non poteva non ispirare la produzione artistica del paese.

“Il cinema è un’occasione per fare il punto sulla cultura e su quel magma incandescente che continua a essere la società in Brasile. Più che naturale che i racconti della cinematografia attuale - non solo i documentari ma perfino le fiction - rispecchino questa realtà”, spiega Regina Nadaes Marques, direttrice del festival. La cospicua selezione di quest’anno offrirà al pubblico milanese l’opportunità di ‘sentire l’aria’ che si respira nel Brasile attuale, riflettere sulle contraddizioni di una nazione ricca ma violenta e piena di disuguaglianze, capire l’influenza del passato ai giorni d’oggi, e non solo.

La musica, una delle più importanti espressioni culturali del Paese e da sempre presente in Agenda Brasil, compare anche quest’anno. Così come ci sono film che toccano temi come AIDS, i disagi della gioventù, la relazione di coppia, senza dimenticare alcune produzioni che rappresentano un’intersezione tra Brasile e Italia. In gara, divisi in due categorie, ci saranno 13 film (sette fiction e sei documentari), in più sono programmate altre quattro opere fuori concorso.

Per il terzo anno consecutivo, si rinnova la partnership con FESTin, festival di cinema itinerante lusofono, che propone una selezione di cortometraggi prodotti in Brasile e Portogallo. Tutti i film di Agenda Brasil sono in lingua originale con sottotitoli in italiano.

La manifestazione prende il via lunedì 8 luglio con un brindisi inaugurale alle 19.30, seguito alle 21 dal film “O beijo no asfalto”, esordio alla regia di Murilo Benicio (attore famosissimo in patria), basato sull’opera omonima del drammaturgo Nelson Rodrigues, uno dei più importanti del secolo scorso in Brasile, intramontabile nel far emergere le ipocrisie della società.

L’opera conta su un cast stellare (tra cui Fernanda Montenegro, di cui ci si ricorda in Central do Brasil, e Lazaro Ramos) e racconta la storia di Arandir, un giovane impiegato di banca, che soccorre un uomo investito da un autobus il quale chiede, come ultimo desiderio, un bacio.

AGENDA BRASIL – Festival Internazionale di Cinema Brasiliano - VIII edizione

Milano 8 – 14 luglio 2019 - www.vagaluna.it

Info MIC - Museo Interattivo del Cinema - Viale Fulvio Testi 121 MM5 Bicocca

Modalità d’ingresso Intero € 6,50 Ridotto € 5,00 Bambino+adulto € 7,00 (riduzioni: Cinetessera, under 14, studenti universitari, Touring Club Junior e Adulti, Milan ID card, Tessera FAI). Ragazzi tra i 16 e i 19 anni compiuti: Ingresso gratuito Tessera 5 proiezioni: € 25,00