Allarme furti a Milano: ecco le strade della paura

s_400_250_16777215_00_images_societa_allarme-furti-milano.jpgAncora una volta Nando Pagnoncelli con Ipsos Italia ha evidenziato con un sondaggio su circa 1800 persone a campione tra i 15 e i 65 anni le paure degli italiani dalla crisi economica a cui quasi tutti si sentono esposti e, complice ancora la crisi, il lavoro che si sgretola, i compensi da fame dei precari, l’immigrazione con le sue naturali problematiche di integrazione sia da parte dei cittadini sia degli entranti, dei furti.

Stando ad Ipsos ben la metà degli intervistati non si sente sicuro in casa, tra le mura domestiche: preoccupa la microcriminalità. Per questo si usano sempre più sistemi di allarme, e di fatto questi sistemi di allarme negli ultimi dieci anni hanno registrato un vero e proprio boom, come mai prima di oggi.

Sempre secondo Ipsos sono dotati di sistemi di allarme il 75% degli intervistati. Si giunge al paradosso sono aumentati più i sistemi di allarme che gli episodi di furto, sintomo che a volte anche con una modica spesa visto che ce ne sono di tutti i prezzi, i cittadini si possono difendere dai ladri per così dire improvvisati che tante volte davanti a sistemi di allarme di media fascia si scoraggiano e scappano.

Quello che sbalordisce è poi il recente risultato del centro di ricerca Transcrime dell'Università Cattolica di Milano e dell'Università di Trento. Pare che si sia trovato una sorta di algoritmo in grado di prevedere le zone e gli orari dei prossimi furti, il che con sistemi di allarmi funzionanti sarebbe una sicurezza maggiore.

A Milano ad esempio sono molto frequenti vicino a Compro oro, mentre i campi nomadi sono ininfluenti, e le mappe previsionali ricreate a Milano, Bari e Roma hanno straordinariamente predetto ben il 30% totale dei furti a Milano, il 41,&% a Bari e il 47,1% dei furti a Roma. Potrebbe essere presto un sistema aggiuntivo ai già collaudati sistemi di allarme.

Alla Questura di Milano parlano di incremento esponenziale dei furti dal 2012 ad oggi ed indicano come zone rosse l’area attorno alla celebre Madonnina, simbolo della città e in zone come Gratosoglio, Stadera, Lambrate, Barona, viale Umbria.

L’utilizzo dei sistemi di allarme e degli accorgimenti più banali per non dare nell’occhio soprattutto quando si parte per le vacanze e il cambiamento più possibile degli orari in cui non c’è nessuno in casa, visto che di solito i ladri preferiscono gli abitudinari, possono essere piccoli accorgimenti con i quali per lo meno mettersi al riparo dal grosso dei rischi, anche se non c’è più nessuno che si dichiara tranquillo e a proprio agio, soprattutto le donne e gli anziani. Insomma la sicurezza a Milano non è certo di casa!

Recapiti e Contatti

milanotopnews testata
Eventi Moda Spettacoli Cinema a Milano e Top News
Via Carlo Imbonati 99 - 20126 Milano Mi Italy
email : milanotopnews@gmail.com
http://www.milanotopnews.it

Fast Contact




Disclaimer

Milanotopnews non è un prodotto editoriale ai sensi della Legge sull'editoria n.62 del 7/3/2001.

I loghi presenti nel sito, dove non diversamente specificato, appartengono al proprietario.

L'utente è sempre tenuto a leggere il disclaimer e tutte le informative qui riportate.

Legal | Privacy | Copyright | Cookie