Siena: uno dei tesori della Toscana, meta prediletta per una breve vacanza tra arte e storia.


Chiara Tedeschi
Chiara Tedeschi

Amo viaggiare credo che come ha detto Sant'Agostino "il mondo è un libro e chi non viaggia ne legge solo una pagina"

È una delle città più belle d’Italia, uno di quei luoghi da vedere e da rivedere, la meta ideale per una gita in famiglia anche di sole 24 ore: si tratta di Siena che con il suo fascino tipicamente medievale attrae ogni anno migliaia di turisti.


Situata nel centro della Toscana è ricca di tradizioni, arte e storia. Il cuore della città, e suo luogo simbolo, è Piazza del Campo, dove ogni anno si svolge il famoso Palio di Siena di origine seicentesca. La peculiarità di questa piazza è innanzitutto la sua forma a conchiglia. Qui si trovano la Fonte Gaia di Jacopo della Quercia, il Palazzo Comunale in mattoni e marmo, costruito come il Duomo durante il periodo di massimo splendore della città, corrispondente al Governo dei Nove, sede del Museo Civico della città, e la Torre del Mangia alta ben 87 metri, dalla quale si può godere di uno dei più bei panorami di Siena. 
Altra meta obbligatoria è Piazza del Duomo dove si possono ammirare il Duomo, la Cripta e la Libreria Piccolomini. Il Duomo di Siena, in stile romano-gotico, è un’opera architettonica imponente e affascinante in marmo bianco e verde scuro; il pavimento è composto da ben 56 riquadri in cui sono rappresentate scene incise e intagliate nel marmo. All’interno del Duomo si trovano opere di Donatello, Michelangelo, Nicola Pisano e Pinturicchio. Gli affreschi realizzati da Pinturicchio possono essere ammirati all’interno della Libreria Piccolomini dedicata a Papa Pio II. Affreschi di scuola senese del Duecento rappresentanti scene bibliche si trovano invece nella Cripta sottostante al Duomo. Il Museo dell’Opera del Duomo , uno dei più antichi musei privati d’Italia, si trova invece nella navata destra della Cattedrale e conserva al suo interno statue trecentesche originali della facciata del Duomo, tra cui quelle di Giovanni Pisano e” la pala della Maestà “ di Duccio da Buoninsegna. Il Battistero di Siena del 1300, rimasto incompiuto nella sua facciata, all’interno conserva la Fonte Battesimale opera di Jacopo della Quercia, Lorenzo Ghiberti e Donatello .
Dall’esterno del Duomo si accede al Museo di Santa Caterina e alla scala in marmo dove, secondo la leggenda, la santa scivolò subendo la frattura che la portò alla morte. Lo scalino su cui scivolò Santa Caterina è contrassegnato da una stella dorata. Le spoglie della santa sono invece conservate all’interno della Basilica di San Domenico.
Da visitare è anche la Rocca Salimbeni sede della più antica banca del mondo, la Banca Monte dei Paschi di Siena, e i musei sotterranei della banca.
Vi è poi la Fortezza Medicea al cui interno sono collocate ottime vinerie dove è possibile gustare un Brunello di Montalcino o un classico Chianti.
La sua ricchezza di arte e storia fa di Siena la meta ideale per una vacanza in tutte le stagioni, anche se l’ideale è visitarla in Agosto nei giorni del Palio , in occasione del quale molti musei sono visitabili gratuitamente.