×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 473

Oscar 2015 : tutte le candidature alla celebre statuetta

Mancano pochi giorni ormai all’87° premiazione degli Oscar 2015. Le candidature sono state annunciate in conferenza stampa il 25 Gennaio 2015. L’Academy Award si terrà al Dolby Theatre di Los Angeles il prossimo 22 Febbraio e quest’anno, per la prima volta, sarà condotto da Neil Patrick Harris. Tutto rigorosamente in diretta sul network americano ABC. Diversamente dagli altri anni le nomination sono state tutte annunciate durante la conferenza stampa in due turni.

Il primo da Alfonso Cuaròn e J.J. Abrams che hanno dato le nomination per Miglior film d’animazione, Miglior documentario, Miglior corto documentario, miglior montaggio, Miglior canzone originale, miglior scenografia, Miglior corto animato, Miglior cortometraggio, Miglior montaggio sonoro, Migliori effetti sonori e Migliori effetti speciali. Il secondo turno è stata la volta di Chris Pine e Cheryl Boone Isaacs che hanno annunciato le nomination per: Migliore attore, Migliore attore non protagonista, Migliore attrice, Migliore attrice non protagonista, Migliori costumi, Miglior fotografia, Miglior regia, Miglior film straniero, Migliore colonna sonora, Miglior trucco, Miglior sceneggiatura, Miglior film e Migliore sceneggiatura non originale. Ma vediamo bene tutte le candidature:

Come Miglior film abbiamo tra i candidati: American Sniper, Birdman, Boyhood, Grand Budapest Hotel, Selma-La strada per la libertà, The Imitation Game, Whiplash e La teoria del tutto.

Per Miglior regista abbiamo Alejandro Gonzàlez Inàrritu con Birdman, Richard Linklater con Boyhood, Bennett Miller con Foxcatcher, Wes Anderson con Grand Budapest Hotel e Morten Tyldum con The Imitation Game.

Il titolo di Miglior attore protagonista è conteso tra Steve Carell in Foxcatcher, Bradley Cooper in American Sniper, Benedict Cumberbatch in The Imitation Game, Michael Keaton in Birdman e Eddie Redmayne in La teoria del tutto.

Invece tra le donne come Miglior attrice protagonista le candidate sono: Marion Cotillard in Due Giorni, una notte, Felicity Jones in La teoria del tutto, Julianne Moore in Still Alice, Rosamund Pike in L’amore bugiardo – Gone Girl e Reese Witherspoon in Wild.

Per Miglior attore non protagonista: Robert Duvall in The Judge, Ethan Hawke in Boyhood, Edward Norton in Birdman, Mark Ruffalo in Foxcatcher, J.K. Simmons in Whiplash.

Migliore attrice non protagonista: Patricia Arquette in Boyhood, Laura Dern in Wild, Keira Knightley in The Imitation Game, Emma Stone in Birdman e Maryl Streep in Into the Woods.

Migliore sceneggiatura originale: Alejandro Gonzàlez Inàrritu, Nicolàs Giacobone, Alexander Dinelaris e Armando Bo con Birdman; Richard Linklater con Boyhood; Dan Futterman e E. Max Frye con Foxcatcher; Wes Anderson con Grand Budapest Hotel e Dan Gilroy con Nightcrawler.

Migliore sceneggiatura non originale: Jason Hall con American Sniper, Graham Moore con The Imitation Game, Paul Thomas Anderson con Vizio di forma, Anthony McCarten con La teoria del tutto e Damien Chazelle con Whiplash.

Tra i Migliori film stranieri si contendono il titolo Ida (Polonia), Mandariinid (Estonia), Leviathan (Russia), Timbuktu (Mauritania) e Relatos salvajes (Argentina).

Per Miglior film d’animazione: Big Hero 6, Boxtrolls – Le scatole magiche, Dragon Trainer 2, Song of the Sea e La storia della principessa splendente.

Miglior fotografia: Emmanuel Lubezki (Birdman), Robert Yeoman (Grand Budapest Hotel), Ryszard Lenczewski e Lukasz Zal (Ida), Dick Pope (Mr Turner) e Roger Deakins (Unbroken).

Miglior scenografia: Adam Stockhausen (Grand Budapest Hotel), Maria Djurkovic (The Imitation Game), Nathan Crowley (Interstellar), Dennis Gassner (Into the Woods) e Suzie Davies (Mr. Turner).

Miglior Montaggio: MoJoel Cox e Gary D. Roach (American Sniper), Sandra Adair (Boyhood), Barney Pilling (Grand Budapest Hotel), William Goldenberg (The Imitation Game) e Tom Cross (Whiplash).

Migliore colonna sonora: Alexandre Desplat con Grand Budapest Hotel, Alexandre Desplat con The Imitation Game, Hans Zimmer con Interstellar, Gary Yershon con Mr. Turner e Jóhann Jóhannsson con La teoria del tutto.

Migliore canzone: Everithing is Awesome da The LEGO Movie, Glory da Selma- La strada per la libertà, Grateful da Beyond the Lights, I’m Not Gonna Miss You da Glen Campbell: I’ll Be Me e Lost Stars da Tutto può cambiare.

Per i Migliori effetti speciali i film candidati sono: Captain America: The Winter Soldier, Apes Revolution, Guardiani della Galassia, Interstellar e X Men-Giorni di un futuro passato.

Per Miglior sonoro si candidano: American Sniper, Birdman, Interstellar, Unbroken, Whiplash.

Per Miglior montaggio sonoro: American Sniper, Birdman, Lo Hobbit – La battaglia delle cinque armate, Interstellar, Unbroken.

Migliori costumi: Milena Canonero (Grand Budapest Hotel), Mark Bridges (Vizio di forma), Colleen Atwood (Into the Woods), Anna B. Sheppard e Jane Clive (Maleficent) e Jacqueline Durran (Mr. Turner).

Miglior trucco e acconciatura: Bill Corso e Dennis Liddiard (Foxcatcher), Frances Hannon e Mark Coulier (Grand Budapest Hotel), Elizabeth Yanni-Georgiou e David White (Guardiani della Galassia).

Miglior documentario: Citizenfour, Alla ricerca di Vivian Majer, Last Days in Vietnam, Il sale della terra e Virunga.

Miglior cortometraggio documentario: Crisis Hotline: Veterans Press 1, Joanna, Nasza klatwa, La parka e White Earth.

Miglior cortometraggio: Aya, Boogaloo and Graham, La lampe au beurre de yak, Parvaneh e The Phone Call.

Miglior cortometraggio d’animazione: The Bigger Picture, The Dam Keeper, Winston (Feast), Me and My Moulton e A Single Life.

Dunque una pioggia di nomination per Birdman e Grand Budapest Hotel (ben nove ciascuno). I tanto acclamati American Sniper e Interstellar ne ricevono “solo” in ordine sei e cinque. Per quanto riguarda l’Italia, dopo la delusione per la mancata candidatura del film di Paolo Virzì “Il capitale umano”,anche quest’anno è in lizza tra i candidati grazie alla costumista Milena Canonero (già vincitrice di tre premi Oscar per Barry Lyndon, Momenti di Gloria e Marie Antoniette).