Covid19, l'Italia (finalmente) cambia rotta: seguiremo il modello Seul?

walter ricciardiMeglio tardi che mai verrebbe da dire. Il Governo potrebbe cambiare approccio nella lotta sempre più difficile al coronavirus, che fino ad oggi non ha dato i risultati sperati (47.000 contagi e 4.000 morti in appena un mese).

A svelare quanto meno l'idea di un cambio di passo è Walter Ricciardi, il consulente scientifico del ministro della Salute Roberto Speranza, nonchè membro del board dell'OMS. Intercettato da Repubblica Ricciardi spiega: "La Corea del Sud ha limitato i contagi individuando i soggetti positivi e tracciandone gli spostamenti. Una strada che adesso anche l'Italia potrebbe seguire. Ricciardi paragona la curva dei contagi in Corea del Sud (8.652 infetti e 92 morti) con quella italiana (47mila contagiati ufficiali dall'inizio dell'epidemia e 4.032 morti).

"Anche io studio da giorni questo grafico - ammette Ricciardi - e più lo guardo più mi convinco che dobbiamo seguire la strategia adottata da Seul. D'accordo con il ministro, sto proponendo che la si adotti anche in Italia, abbiamo già attivato un gruppo di studio per definire i dettagli".

La Corea del Sud ha eseguito però una politica dei tamponi opposta a quella seguita dall'Italia. In Corea infatti i tamponi sono stati fatti per strada a chiunque volesse sottoporsi al test pur avendo il solo sospetto della malattia.

Seguendo inceve le indicazioni dell'ISS in Italia il tampone viene effettuato solo sui soggetti sintomatici che abbiano avuto contatti stretti con persone risultate positive al Covd-19. Una bella differenza.