Nel giorno più bello anche l'intimo vuole la sua parte



intimo sposaNell'immaginario collettivo l'intimo della sposa è un tripudio di pizzi, laccetti, trasparenze, rouches e decorazioni sensuali e maliziose. Quello che la sposa porta effettivamente sotto il vestito nel giorno del matrimonio, però, è ben diverso dall'immaginario comune. Infatti nel giorno più bello (e lungo), la donna prediligerà la comodità di una lingerie che non segna e che ha il solo scopo di valorizzare il vestito.

La lingerie deve adattarsi perfettamente all'abito da cerimonia, risultando discreta ma nel contempo in grado di riflettere ed esaltare la bellezza e la femminilità della sposa nel giorno delle nozze. Deve essere il più invisibile e rendere la linea della sposa impeccabile. La lingerie per la sposa in genere si acquista nello stesso atelier in cui si prepara l'abito. La scollatura dell'abito non deve lasciar intravedere pizzi e spalline: esistono modelli di reggiseno a fascia, bustier o body senza spalline che risultano molto "discreti". Una leggera imbottitura o un effetto push up può rendere armoniose le figure più asciutte mentre per le figure più genere è consigliabile un body, anche contenitivo. Per quanto riguarda i tessuti si può dare libero sfogo alla fantasia, stando attende alle fibre sintetiche.

Per quanto riguarda le calze non devono essere distaccate dal colore del vestito e non dovranno coprire troppo le gambe della sposa, ma neppure devono essere troppo leggere. Il giorno prima delle nozze meglio quindi provare alcune paia di calze di diverse tonalità per saggiare quale tipo si adatta meglio al vestito. Se il bon ton suggerisce l'uso di calze e reggicalze, la voglia di senso pratico potrebbe spingere la futura sposa ad indossare dei collants: il consiglio è quello di darne in consegna un paio ad un'amica per mettersi al riparo da eventuali smagliature.