Cinque motivi per visitare Parigi secondo i milanesi

visitare parigiL’inverno è ormai alle porte, le temperature rigide e il ritorno ai ritmi incessanti di lavoro presso le nostre aziende, ci hanno proiettato in una dimensione completamente avulsa rispetto a quella vissuta sulle spiagge italiane ed estere durante le ferie estive. Lo stress accumulato da settembre ad oggi ci impone di staccare la spina nel weekend, per ricaricare le pile in vista di un inverno che sarà lunghissimo. Cosa consigliano psicologi e psicoterapeuti? Quali potrebbero essere le soluzioni da adottare? Semplice, dei weekend lontani dalle nostra città e dalla routine quotidiana causa principale del nostro stress.

 

Una delle mete più ambite dai milanesi per viaggi mordi e fuggi è senza dubbio Parigi, la città delle luci che ogni anno accoglie e ospita migliaia di turisti provenienti da tutto il mondo. La Ville Lumiere è la meta ideale per trascorrere un weekend alternativo, tanto più che con i Prezzi Mini di iDBUS, i viaggi Milano Parigi in pullman sono davvero comodi e convenienti.

La capitale francese rappresenta da sempre un totem, un sogno da realizzare per tutti coloro che tramite i media e i capolavori cinematografici si sono innamorati della Ville Lumiere. Un recente sondaggio compiuto su un campione mille persone residenti a Milano, ha messo in evidenza quali sono i cinque motivi per cui visitare Parigi almeno una volta nella vita.

Al primo posto, spicca Mont Martre. La collina che sorge a nord di Parigi, nota per la presenza degli artisti di strada, racchiude un patrimonio culturale e delle atmosfere in netto contrasto con lo stile romantico del centro della città. Una metà divenuta un must per i turisti meneghini, sempre alla ricerca di alternative cool ai luoghi più conosciuti e affollati.

Al secondo posto, la gastronomia francese. Il boom di programmi tv dedicati alla cucina, e tutte le serie MasterChef e Cucine da incubo, hanno suscitato una crescita di interesse verso tutto quello che ruota attorno al cibo. Il turista meneghino, e non solo, prima di partire per la Ville Lumiere ha studiato approfonditamente i luoghi dove gustare le migliori baguette, il pan chocolate e i ristoranti dove sorseggiare champagne e gustare degli eccelsi formaggi della cucina francese. I ristoranti più gettonati, nonostante i prezzi astronomici, sono L’Astrance e Les Tablettes.

Al terzo posto, salire sulla Tour Eiffel. Tra le cose da fare almeno una volta nella vita, in particolare a Parigi, non poteva mancare la scalata del gigante di ferro che sorge nel cuore della città. 324 metri di altezza, 1665 scalini per raggiungere quella vetta in grado di offrire emozioni uniche, grazie ad una vista panoramica mozzafiato.

Al quarto posto, la movida notturna. Parigi è una città sobria e tranquilla di giorno, ma la notte alcune zone si trasformano come camaleonti per trasportare i turisti nel paradiso della trasgressione. L’Opèra e il Moulin Rouge sono due tappe obbligatorie prima di scegliere se addentrarsi nelle follie del Quartiere latino, meta prediletta di giovani e coppie, o nel più audace Pigalle.

Al quinto posto, una motivazione decisamente romantica: chiedere al proprio partner di sposarlo/a. Il fascino romantico di Parigi è ben noto a tutti, tanto che da alcuni viene considerata superiore a Venezia nell’essere definita la città dell’amore. La capitale francese è uno dei luoghi al mondo in cui più persone si sono dichiarate amore eterno.